Incendio di Notre Dame, la restauratrice di Urbino: “A Palazzo Ducale non sarebbe mai successo” – VIDEO

I torricini di Palazzo Ducale
di CLARISSA CANCELLI e LINDA CAGLIONI

URBINO – Il cantiere di ristrutturazione di Notre Dame, da cui sarebbe partito l’incendio che l’ha quasi distrutta “era stato realizzato senza nessuna sicurezza. O per lo meno, con una sicurezza poco idonea per la protezione di un’opera così straordinaria”. La pensa così Raffaella Marotti, restauratrice di beni scientifici e tecnici di Urbino, intervistata dal Ducato.

Lunedì intorno alle 18:50 le fiamme cominciano ad avvolgere la cattedrale francese. Un’ora dopo crolla la guglia centrale. Si comincia a temere il peggio.  Fortunatamente i pompieri francesi riescono a spegnere l’incendio e la struttura originaria di Notre Dame è salva. Rimane solo il dolore dei cittadini di Parigi e di quelli di tutto il mondo che hanno assistito increduli al disastro. Oltre alla sofferenza di vedere quasi distrutto uno dei simboli della Francia e della cultura europea, iniziano però a emergere anche alcuni dubbi: i lavori di restauro si stavano svolgendo con la massima sicurezza per tutelare un patrimonio artistico di tale valore?

Secondo la dottoressa Marotti, un fatto simile a Urbino non sarebbe mai successo: “Sia come cittadina che come addetta ai lavori a Urbino noto una buona sicurezza rispetto ai nostri monumenti. Proprio come la cattedrale di Notre Dame, Palazzo Ducale è un monumento storico e architettonico di grande importanza, anch’esso unico al mondo. Un incidente del genere credo proprio non sarebbe mai potuto accadere”.

DUOMO DI URBINO – “Così evitiamo ciò che è accaduto a Notre Dame”

La coordinatrice della Scuola di Conservazione e Restauro, Laura Baratin, ha spiegato al Ducato che un cantiere di restauro deve necessariamente essere affiancato da un progetto di sicurezza: “Un responsabile deve garantire che tutte le operazioni vengano controllate”.

Sui lavori di restauro in corso al Duomo di Urbino, la coordinatrice ha sottolineato che dopo i danni causati dal sisma la messa in sicurezza per evitare che ci siano crolli è stata notevole: “È bene che ci sia attenzione e che il cantiere vada portato avanti per evitare che ci siano ulteriori problemi. Bisogna garantire la sicurezza del Duomo anche per il futuro”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e di terze parti maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi