Agricoltura, Carloni: già 700 adesioni a biodistretto, attese 2000

L’invito ad iscriversi al biodistretto è partito solo ieri e ci sono già state 700 preadesioni, “ma alcune di queste erano cooperative già esistenti, quindi le aziende effettive sono di più”, dice al Ducato il vicepresidente della Regione Marche, con delega all’Agricoltura Mirco Carloni. Il piano per la realizzazione del biodistretto – spiega – punta, “a differenza di quanto faceva la scorsa Amministrazione, su un distretto regionale e non locale, con l’obiettivo di convertire almeno il 51% del territorio regionale a colture biologiche”.

Carloni si aspetta che il numero delle aziende aderenti salga a 2000 entro fine maggio: “Questo biodistretto sarà un patto tra gli agricoltori, con l’obiettivo di fare diventare le Marche il biglietto da visita italiano per Expo Dubai 2021”.

emm/gp

About the Author

Enrico Mascilli Migliorini
Irpino innamorato di Napoli e del mare, parlo solo e volentieri di musica: Leonard Cohen, Tom Waits, David Bowie e, scontato, i Beatles. Nasco nel 1994 e mi laureo in Storia con una tesi sulla censura e il primo catalogo dei libri proibiti nella triennale a Firenze. Nella tesi di laurea magistrale a Bologna ho deciso di studiare il popolo rom, detto zingaro, diventato parte integrante della mia vita soprattutto grazie al progetto CNR-UE Municipality 4 Roma..

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e di terze parti maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi