Talita e Mattia, il Duomo in bianco accoglie gli sposi della ripartenza

Talita e Mattia all'uscita dal Duomo. Foto di Sara Spimpolo
di MARIA ELENA MARSICO

URBINO – Il Duomo torna a vestirsi di bianco. Talita Mattia sono i primi sposi a percorrere nel 2021 la navata della chiesa più grande di Urbino. Fino a dicembre, nella Cattedrale di Santa Maria Assunta, ci saranno altri quattro matrimoni.

“C’è un matrimonio in Duomo”

Un violino, una cantante, gli ingressi separati per gli ospiti della sposa e dello sposo e le panche della chiesa tutte occupate dagli invitati, fino all’ultima fila, ma nel rispetto delle norme anti-covid. Quattro testimoni, una damigella e un paggetto, gli amici all’uscita con uno striscione dedicato agli sposi, qualche trombetta, un carrello per la spesa con delle lattine come “strascico”, il riso avvolto in un cono di foglia verde, bouquet bianchi, la poesia d’amore Tra le tue braccia di Alda Merini letta dal sacerdote.

Urbino torna a ospitare un matrimonio nelle sue vie principali, rompendo l’anomala monotonia a cui la pandemia ci aveva ormai abituato. Nelle strade della città non si parla d’altro: “C’è un matrimonio in Duomo” si sente dire.

Gli sposi e gli invitati sulle scalinate del Duomo. Foto di Sara Spimpolo

Un matrimonio con tutti gli ospiti che gli sposi avrebbero voluto, vaccinati o negativi al tampone. E non c’è più il Covid Manager, sulla scia di una quasi ritrovata normalità. Un’atmosfera di festa che è mancata agli urbinati e che viene notata anche dai tanti turisti che si affacciano alla porta centrale della chiesa per cogliere dettagli del matrimonio. Qualcuno si fa fotografare sul tappeto bianco, vicino ai fiori che decorano la scena.

Molte erano le auto parcheggiate nel piazzale Duca Federico. Anche queste vestite a festa, con i fiocchi bianchi sulle antenne. Alcuni turisti occupavano i tavolini dei bar, pronti a immortalare l’uscita degli sposi dalla chiesa con il tradizionale lancio del riso.

La favola sulle note della ripartenza

Dalla porta centrale del Duomo il vento ha trasportato in piazza le note dei canti. Come Fratello Sole, Sorella Luna o l’Ave Maria di Franz Schubert. E non solo canti religiosi hanno accompagnato la cerimonia, ma anche quelli più pop come Somewhere over the rainbow o Gabriel’s Oboe, brano della colonna sonora del film The Mission e composta da Ennio Morricone.

Talita e Mattia, fidanzati da nove anni e mezzo e sposati da qualche ora, alcuni giorni fa erano emozionati. Oggi brillano di gioia. Lei in un abito bianco, decorato dal pizzo, così come il velo. Lui in un abito blu damascato.
Giovani e belli, gli sposi della ripartenza aprono la stagione dei matrimoni nel periodo della speranza e della tanto desiderata rinascita.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e di terze parti maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi