Comunità montane: 4,6 miliardi di euro per infrastrutture

La frana lungo il valico di Bocca Trabaria

URBINO, 21 LUG. – In arrivo 4,6 miliardi per zone montane e aree interne. A confermarlo è il presidente nazionale dell’Unione dei comuni e delle comunità montane (UncemMarco Bussone: “Il fondo perequativo infrastrutturale dotato di 4,6 miliardi di euro da spendere in cinque anni, ci sarà. È previsto dalla legge di bilancio 2021”. Bussone dice che il fondo consentirà di colmare gap di sviluppo territoriale con opere pubbliche e infrastrutture. “In particolare con la manutenzione straordinaria delle strade e la protezione dal dissesto”. Entro fine 2021 verranno verificate le varie necessità delle aree interessate, così da utilizzare al meglio gli investimenti.

L’Italia “è un Paese dove la montagna e le zone rurali raggiungono l’85% della superficie territoriale” ha spiegato il presidente in una nota. Fare perequazione con infrastrutture “permetterà di contrastare l’abbandono e lo spopolamento delle zone montane”.

Sentito dal Ducato Bussone ha detto che “non è escluso” che il comune di Urbino possa beneficiare dei fondi. “Se Urbino e le zone limitrofe hanno problemi di infrastrutture, potranno segnalare le loro istanze. Dipenderà dalla mappatura che farà la regione Marche”.

dgz

About the Author

Davide Gresta Zucchi
Nato ad Ancona e cresciuto nella provincia di Pesaro-Urbino. Laureato in "scienze della comunicazione". Assegnatario di borsa di studio Erasmus+, ho trascorso un periodo di sette mesi a Lubiana in Slovenia dove mi sono occupato di scrittura e di realizzazione di contenuti creativi per il web. Ho lavorato come product development nell'alta moda per importanti maison del lusso. Oltre ad aver maturato sette anni di esperienza lavorativa in Italia, ho lavorato anche un anno nel Regno Unito.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e di terze parti maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi