Da falsario a truffato: a processo a Urbino un gallerista torinese

La targa intitolata a Paolo Cigliola al tribunale di Urbino
di BEATRICE GRECO

URBINO – Un quadro d’arte povera, fatto con sale e tabacco, è motivo per cui Nicola Tito, gallerista di Torino, è stato chiamato a rispondere davanti al tribunale di Urbino. L’ipotesi è di detenzione, con fini di commercializzazione, di un’opera falsa, spacciata per autentica, dell’artista Pier Paolo Calzolari. A svelare la truffa è la Fondazione Calzolari, con sede a Fossombrone, cui il signor Tito aveva fatto richiesta per ottenere il certificato di archiviazione (una certificazione di autenticità) del quadro.

Tito, già noto alle cronache per aver venduto opere contraffatte e per la sua galleria di “croste” Tito Arte (ora non più attiva), ha testimoniato davanti al giudice Francesca D’Orazio. “Ho comprato il quadro dal signor Andrea Contini, nella sua galleria di Bardonecchia, circa dieci anni fa – ha spiegato, rispondendo alle domande della pm Catia Letizi -, presentava la scritta ‘autentico’ e la firma dell’autore”. Sarà poi la moglie Antonella Troncossi (co-titolare di Tito Arte e già condannata con il marito per contraffazione), sentita come testimone al processo, a specificare l’anno esatto dell’acquisto: 2010. Il quadro è stato poi tenuto nel garage della loro casa a Buttigliera Alta, in provincia di Torino, fino al marzo 2015 quando Tito ha richiesto alla Fondazione Calzolari il numero di archiviazione del quadro, pratica necessaria per poter mettere sul mercato qualsiasi opera d’arte. “Prima di mettere in vendita un quadro – ha detto – dev’essere sempre verificato. Io non ho mai proposto nulla ai miei acquirenti senza avere prima il benestare delle fondazioni”.

Dopo aver presentato tutta la documentazione utile alla richiesta, il gallerista ha dovuto inviare alla fondazione il quadro. Qui la sorpresa: la visita dei carabinieri e la notizia che l’autore, che Tito sapeva essere vivo, non aveva riconosciuto l’opera. “Si tratterà di capire se il signor Tito ha agito con dolo o meno” ha detto al Ducato la pm Letizi.

L’udienza di discussione e la decisione del giudice sono rinviate al 26 maggio prossimo. Così sarà possibile capire se un ex truffatore si è trasformato in truffato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e di terze parti maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi