Le testate dell’Ifg


Armiamoci e sparite. In Italia 400 mila “tiratori fantasma” ignoti alle strutture sportive

Il numero di licenze per il tiro a volo registrate dal ministero dell’Interno sono molte di più delle tessere che servono per frequentare campi da tiro e poligoni. Che il porto d’armi sportivo fosse per molti un escamotage per legittimare il possesso di un’arma, da tenere in casa a scopo di  difesa, è da tempo la convinzione di osservatori ed esperti. Anche perché ottenere un porto d’arma per difesa personale è più complesso. Ora i numeri certificano un fenomeno cresciuto negli anni



Serie A e B, per i giovani un sogno sempre più lontano: in 10 anni crollati gli esordi

Dalla stagione 2009/10 alla 2018/19 sono solo 94 gli esordi tra i professionisti nei nostri campionati (20 in A e 74 in B). La Lombardia è la regione più rappresentata tra i debuttanti, seguita da Campania e Lazio. Sono 32 i giocatori marchigiani che hanno assaggiato il campo per la prima volta in questo periodo, ma nel massimo campionato mancano da sei anni. L’Italia si colloca a metà di questa speciale classifica, considerando i cinque maggiori campionati, ma all’estero i ragazzi ricevono maggior fiducia e possibilità


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e di terze parti maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi