Anno Accademico, il rettore di Urbino: “Per questioni come Europa e vaccini servono conoscenza e preparazione”

Il rettore di Urbino Gilberto Stocchi
di CLARISSA CANCELLI

URBINO – La cattiva reputazione dell’Unione Europea, una stoccata all’Accademia per l’inefficacia delle informazioni su questioni scientifiche come i vaccini, il progresso della ricerca e i miglioramenti apportati all’Università di Urbino Carlo Bo. Questi sono stati alcuni dei temi sensibili del discorso del rettore Vilberto Stocchi durante la cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico 2018-2019.

Il rettore ha inoltre espresso la sua vicinanza alla famiglia di Patrick, lo studente morto dopo essere precipitato dalla finestra della sua abitazione.

> DOSSIER L’INAUGURAZIONE 2018-2019

Durante il suo intervento, il rettore ha toccato temi d’attualità, evidenziando argomenti al centro di molti dibattiti: la disaffezione verso l’Unione Europea, l’utilità dei vaccini, la lotta contro malattie come l’Aids. Tutte questioni affrontabili solo attraverso la conoscenza, la preparazione, lo studio e la ricerca. Le difficoltà e le mancanze che aleggiano su questi temi devono stimolare gli educatori a comunicare le evidenze scientifiche.

I numeri di Uniurb

Vilberto Stocchi ha poi parlato dell’aumento del 7,5 per cento delle immatricolazioni al 31 ottobre 2018, concentrando l’attenzione sugli aspetti significativi dell’anno accademico scorso: il piano di sviluppo per cui sono stati stanziati 30 milioni di euro con l’obiettivo di dotarsi di misure sempre più moderne e tecnologiche, 11 posti per i ricercatori di tipo A, 16 posti per i ricercatori di tipo B, 21 posti per i professori associati e 11 per i professori ordinari. Ma anche nuove sedi universitarie, la messa a norma di collegi universitari, lavori di riqualificazione moderna e funzionale di Palazzo Bonaventura e Palazzo Battiferri.

Stocchi: “Per i giovani d’oggi problemi immensi”

In un mondo in cui sono ormai crollati i punti di riferimento, in cui non ci sono più schemi da seguire è difficile fornire la soluzione a tutti i problemi. “All’Università spetta dunque il compito di preparare i giovani in possesso di uno spiccato spirito critico, che siano desiderosi di crescere nella conoscenza della verità”. I problemi che siamo costretti ad affrontare oggi “sono immensi, nel momento in cui questi continui mutamenti possono modificare in maniera radicale il tradizionale modo di vivere”.

“Siamo chiamati a una responsabilità più grande rispetto al compito di trasferire competenze specifiche. Questo interpella ognuno di noi ed è un compito arduo dal momento che non si può trasmettere ciò che non si possiede”. Il rettore si è poi focalizzato sul compito che ha l’Università di formare i giovani, riuscendo a dialogare con la comunità studentesca, puntando sul gioco di squadra e non solo sul singolo, insegnando ai giovani a essere liberi. “Dobbiamo formare i giovani a essere donne e uomini coraggiosi, infondendo loro il coraggio dell’impegno, dell’onestà, della lealtà. Dobbiamo anche stimolarli all’amore per la bellezza e la creatività” ha detto il rettore.

L’Università ha un compito arduo, ha delle responsabilità verso i giovani: “Un luogo deputato alla formazione come l’Università deve davvero interrogarsi per individuare percorsi formativi con approcci pluridisciplinari, che formino laureati dotati della necessaria flessibilità”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e di terze parti maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi