sanità

Medici e infermieri in aiuto per le Marche, anche dall’Ucraina. Oggi 17 decessi ma rallentano i contagi

Al via il progetto per “100” posti in terapia intensiva e subintensiva alla Fiera di Civitanova Marche. È arrivato nelle Marche un carico di materiale contenente 144 mila mascherine (chirurgiche, FFP2 e FFP3), 90 kit di indumenti protettivi e 200 di guanti monouso. Una delle pazienti decedute era una donna di 85 anni di Urbino. Ieri 132 nuovi positivi su un totale di 735 test effettuati, poco meno quindi del 18% del totale. È una delle percentuali più basse mai registrate dall’inizio dell’epidemia.









In quarantena 30 medici in provincia di Pesaro e Urbino. Valeri: “Siamo rassegnati, territorio abbandonato”

Il dottor Fabrizio Valeri ha raccontato come lui e i suoi colleghi stanno affrontando l’emergenza sul territorio: “Ci hanno dato le mascherine, ma calzari, occhialini, tute o camici usa e getta abbiamo dovuto trovarli noi. Più andiamo avanti e più penso che ci sia una situazione di abbandono totale del territorio. Noi lavoriamo tutti i giorni e la gente è disperata”



Pronto soccorso, pediatria e ostetricia: anche a Urbino mancano i medici

Il dottor Tiziano Busca: “A Urbino c’è, come in altri ospedali in Italia, una carenza di medici, ma nella gran parte dei reparti si riesce a lavorare soddisfacendo le esigenze. Il problema è l’estate, con l’aumento del caldo e del numero di turisti. L’ospedale va in difficoltà anche nelle situazioni difficili da prevedere, come la nascita di più bambini lo stesso giorno o la diffusione di virus nelle scuole”



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e di terze parti maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi