Urbino Volley, nuovo processo a Sacchi e Carciani per associazione a delinquere

Tribunale di Urbino

URBINO, 16 FEB. – Associazione per delinquere, dichiarazione fraudolenta e fatture false. Per queste accuse sono a processo Giancarlo Sacchi, ex presidente della Robur Tiboni Urbino Volley, la figlia Enrica e Carlo Carciani, a darne conferma al Ducato è l’avvocata che difende Enrica Sacchi e Carciani, Liana Pesaresi. L’udienza, che si sarebbe dovuta tenere oggi, è stata rinviata al prossimo 20 aprile.

I tre erano già stati assolti il 3 marzo 2020 dalle accuse di emissione di fatture per operazioni inesistenti assieme agli altri imputati. All’epoca si trattò di stabilire se gli spazi pubblicitari fossero stati venduti a prezzi maggiorati alla Cimas, azienda di servizi di mensa e catering, per poi restituire parte dei soldi ad Angelo Maurizio Sansuini, dirigenti della società.

Adesso ai Sacchi e a Carciani si imputa il reato di associazione per delinquere (articolo 416 del codice penale). I soggetti coinvolti nelle fatturazioni false e le annualità sono differenti rispetto a quelli del processo legato all’“operazione Watussi”.

df

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra e di terze parti maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi